Logo del Parco
Condividi
Home » Natura e territorio » Punti d'interesse » Siti archeologici

Dure/Santa Lucia

Tipologia: Insediamento
Periodo/Età: Romano
Stato di Conservazione: Completamente distrutto
Accessibilità: Buona
Fruibilità: Si
Condizione Giuridica/Proprietà: Comunale
Altitudine: 513 m. s.l.m.
Bibliografia: Inedito

La letteratura specialistica segnala a più riprese in località Dure il rinvenimento di emergenze monumentali e di elementi di cultura materiale attribuiti genericamente ad età romana e medioevale; il ruolo di primo piano che questo areale ha assunto per lungo tempo nel quadro generale del popolamento della zona, anteriormente alla riorganizzazione complessiva del tessuto insediativo locale, cristallizzata nell'assetto attuale, è del resto confermato dalla presenza in loco di un probabile nuraghe a corridoio (cfr. scheda relativa) e di ben cinque chiese (Babbu Mannu/SS.ma Trinità, S. Giorgio di Suelli, S. Lucia, S. Maria, S. Stefano).

L'area in esame, compresa tra il corso del Riu Badoleddu/Grestales (a Sud ed Est) e la collina su cui sorge la chiesa di San Giorgio di Dure (a Nord), è ubicata ad un km circa di distanza, in direzione Est, dal centro abitato di Bitti; la zona alterna fasce pianeggianti a bassi dossi dal morbido profilo, attualmente utilizzati in massima parte a vigneto. Le pessime condizioni di visibilità superficiale dei terreni non hanno consentito purtroppo di effettuare una ricognizione autoptica dell'area, si rimanda pertanto in questa sede a quanto è noto dalla bibliografia. Già lo Spano, nel 1872, e il Taramelli, nel 1931, sottolineavano l'interesse di questa zona segnalando rispettivamente ritrovamenti di «…monumenti ed oggetti di bronzo…» (“Dizionario sardo…”, cfr. bibl.) e «…Traccie di antiche costruzioni forse di età romana a Dure, presso S. Lucia, ruderi indistinti, con resti di tegole e mattoni di età romana…In terreno comunale…» (“Carte Archeologiche della Sardegna”, cfr. bibl.); più recentemente M.A. Boninu (L'insediamento umano in età romana sul Monte Albo…, cfr. bibl.) riferisce che «…In località Dure, sul sito di un insediamento difensivo sono stati rinvenuti frammenti ceramici e monete di età repubblicana…». Infine R. Caprara (L'insediamento umano nel periodo medievale sul Monte Albo, cfr. bibl.) ancora a proposito di Dure scrive: «…Affiorano ruderi di abitato e rimangono cinque chiese…Il villaggio scomparve poco dopo il 1388, certo prima del 1420…Di recente, attorno a S. Stefano, sono affiorati ruderi di abitazioni, focolari, forni per pane e per laterizi. Si ha notizia del rinvenimento di numerose monete…».

Comune: Bitti (NU) | Regione: Sardegna | Localizza sulla mappa
 
© 2021 - Parco Naturale Regionale di Tepilora
Via Attilio Deffenu, 69 - 08021 Bitti (NU)
Tel 0784/1825538 - Email: info@parcotepilora.it
Partita IVA: 01465970919 - Posta certificata